LOMO

Un pomeriggio con Casa Facile è stata la causa della mia nuova passione per le macchine LOMO... sono macchinette analogiche, belle da mozzare il fiato per chi, come me, ama svisceratamente le cose vintage.

Ho una Diana+, consigliata dalla amica Anna Ambrosi, per la sua manegevolezza e semplicità d'uso. Quando l'ho avuta tra le mani per la prima volta ho pensato che era bellissima, leggera e curiosa. Peccato però che anni di macchina digitale mi avessero fatto completamente dimenticare anche le basi delle macchine analogiche, tipo come inserire il caro, vecchio rullino!
Uno penso di averlo fatto fuori subito, tutto nero. Ahimè. Vabbè, ritentiamo.
Le istruzioni sono piuttosto semplici, poche regole basilari da imparare, per il resto va da sè, anche sbagliare rientra nella logica di queste macchine.
Per la serie tutto fa brodo :-)
Altra pecca? Dover aspettare lo sviluppo: siamo ormai così abituati a vedere subito il risultato dei nostri scatti, non sappiamo più pazientare ( vabbè, io quello mai.)
La prima esperienza comunque è stata stimolante anche se non molto fruttosa: ho ancora molto da imparare e tutta l'estate per sprecare rullini in quantità ... queste sono le foto più belle, ma sono certa che si può fare di meglio!
Di sicuro l'effetto di sovrapposizione dei fotogrammi è una delle cose più divertenti che si possono realizzare con questa macchina.
A presto per i prossimi sviluppi.





3 commenti

  1. Saranno anche le prime "disavventure" ma a me piacciono!!! Puoi "disavventurarti ancora!!! =)

    RispondiElimina
  2. io non sono certo un'esperta, ma queste foto hanno davvero qualcosa di interessante, sono evocative e hanno un'aria "vintage", quasi le avessi scattate negli anni '70! bellissimi gli effetti, paiono davvero foto d'autore! ma come funziona esattamente la sovrapposizione dei fotogrammi?
    comunque pensavo proprio l'altro giorno quanto mi mancassero i cari vecchi rullini: forse dovevi pazientare, ma vuoi mettere il senso di sorpresa quando finalmente vedevi le foto? erano veri e propri gioielli, immagini irripetibili di istanti ormai andati,e poi ti aiutavano a mantenere la cronologia della tua vita, perchè facevi le foto, andavi a stamparle e le tenevi nel loro libricino. ora invece facciamo 200 foto alla volta, le mettiamo sul pc, e poi ce le dimentichiamo. è vero, possiamo vederle subito, possiamo farne quante vogliamo, ma si è persa tanta magia. con le digitali (e le reflex ormai sono a portata di quasi tutte le tasche) possiamo fare tutti finta di essere oliviero toscani, se poi sai anche usare photoshop ti senti un vero e proprio fotografo professionista. ma si è persa la magia.
    devo dire che con la LOMO la magia sembra essere tornata...
    perchè non provi a partecipare a qualche concorso di fotografia?

    RispondiElimina
  3. Ciao tesoro!
    un'altra passione in comune.
    anch'io amo le LOMO.
    un mega bacio
    Luisa

    RispondiElimina