La Festa Del Perdono: ovvero una buona scusa per fare belle foto...



Ho deciso di farvi fare un salto nella mia vita, dietro la Bombetta, e quale occasione migliore che parlarvi della mia città e, in particolare, dell'evento che la contraddistingue? Dal sedicesimo secolo si svolge a Melegnano la Fiera Del Perdono: la storia di questa fiera si perde nel passato tra storia (vera) e leggenda. Narra di Papi offesi, nobili prepotenti, castighi e riconciliazioni, di cui la famosa Bolla, che viene ogni anno esposta nella Basilica Maggiore, è testimonianza. La fiera vera e propria nasce come esposizione agricola e popolare, che nel corso degli anni si è spostata sempre più verso un approdo decisamente più commerciale… ma polemiche a parte, per i melegnanini doc è un appuntamento imperdibile, per ritrovare vecchi amici e abitudini consolidate; sapete cosa si dice? Perdono con il sole e Pasqua con la pioggia e, signori, vi posso garantire che è davvero così! La storia della Fiera è davvero interessante, come la storia di Melegnano, se siete curiosi potete leggerla quì.
Seguendo i consigli della mia guru personale in campo di fotografia Ilaria Chiaratti, avevo appena acquistato un nuovo obbiettivo per la mia Canon: EF 50mm/1:1,8 II (*). Un obbiettivo a ottiche fisse che promette tantissimo in fatto di luminosità e nitidezza, quello che ho sempre cercato.
Per provarlo sul campo niente di meglio che una festa e una splendida giornata di sole!




L'imprescindibile porchetta e la scorta di caramelle e paste di mandorla ...
Il Castello Mediceo

Nel cortile del Castello  fanno bella mostra oggetti e giochi antichi … e qualcuno si diverte a provarli



Nel fossato e nel parco del Castello si accarezzano gli animali della fattoria,  si ammirano i rapaci della Falconeria e ci si riposa sotto gli alberi ...

Le Giostre! 

Altro must: aperitivo al Trimarter, locanda della nostra famiglia e luogo antico e amato dai melegnanesi. Al timone la mitica Egidia, che mostra lo stinco per cui è famosa.. e non solo! Ecco la ciurma del Trima al completo: amici, famiglia, nuove e vecchie  generazioni . Si conversa e ci si rilassa davanti a una buona birra, un vino rosso e una briscola ...





Anche i nobili mangiano ...
Ammetto che sono stati i soldi meglio spesi della mia vita! Le foto sono luminose e nitidissime, i colori accesi e brillanti, proprio come piacciono a me! E' certamente un ottimo investimento, consigliato!
… e vi aspetto l'anno prossimo alla fiera, ok? ;)

(*) Io l'ho comprato su amazon.it

9 commenti

  1. Beh cara Serena... che dire? Questo obiettivo è il tuo trampolino, se mai ne avessi avuto bisogno. Splendide foto, bellissimo reportage! La differenza si vede, eccome!
    Comunque che nessuno venga a dirmi che l'Italia non è bella tutta... da Nord a Sud!

    RispondiElimina
  2. Bravissima Serena!! Hai fatto davvero un bel reportage, alternando particolari a foto più ampie..e come sempre sorrido e arrossisco quando leggo la parola "guru" ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E aggiungo {visto che non ho potuto farlo prima} che la nuova veste grafica del blog mi piace un casino!

      Elimina
  3. Bella festa e bellissime foto !!!!
    Sono andata a leggere qualche altra recensione sull'obbiettivo e mi sa che lo aggiungo alla lista dei desideri ;o)
    Baci

    RispondiElimina
  4. che foto incredibili! melegnano sembra...un'altra melegnano!
    brava sere, so che non dovrei ma mi stupisco sempre del tuo incredibile senso estetico!
    splendido reportage!

    RispondiElimina
  5. Foto bellissime e racconto superlativo! Sembra di essere con te mentre passeggi per Melegnano armata di Canon + nuovo obiettivo (accipicchia che bomba! Secondo me il grande risultato non è merito suo... è che tu che sei proprio brava!)

    RispondiElimina
  6. magnifiche foto Serena, originali, mi piacciono un sacco!

    RispondiElimina
  7. reportage molto interessante e foto bellissime. Sono ammirata. Complimenti :D

    RispondiElimina
  8. delle foto meravigliose, una vera professionista! un giorno spero di riuscirci anch'io.
    una saluto
    Mary

    RispondiElimina