L'insostenibile fighezza del vivere scandinavo

Avvertenza, questo sarà un post semiserio dove vi spiegherò il mio amore-odio per quella razza umana a parte che sono gli Scandinavi. Avete presente quelle fotografie in cui lo stilying è talmente perfetto che ti sembra di poter toccare la rugiada sui fiori freschi? Quelle case di un biancore accecante, come fossero state immortalate a 10.000 ISO? Non hanno il nostro stesso sole, secondo me quella luce viene direttamente dal padreterno, non può essere diversamente. Sanno usare i colori pastello senza far sembrare le stanze una succursale della Disney. Non hanno mai dimenticato la bellezza della tappezzeria e dei mobili di famiglia, quegli stessi che noi per anni abbiamo disprezzato relegandoli in cantina ( i più fortunati e furbi) o buttandoli via ( i più fessi). Noi che ora ci accapigliamo su un'asta Ebay per trovare una credenza come quella della nonna!
A differenza del super design all'italiana, elegante ma freddo e patinato, loro sanno essere minimali e chic senza essere tristi, perchè ti piazzano una bella stampa lì, una copertina crochet  e una lampada vintage e il gioco è fatto. Prova a farlo tu e la tua stanza trasuderà tristezza e patimento.
Devono avere un segreto per avere sempre quei pavimenti bianchi: probabilmente i loro bambini nascono con la capacità di non sbriciolare e le loro scarpe sono sempre immacolate, come camminassero a dieci centimetri da terra. La polvere non esiste nel paese norreno, è pulviscolo dorato che non sporca, potere di Odino!
Persino i siti di agenzie immobiliari non riescono a non essere fighi! Provate un po' a confrontare Alvhem con Tecnocasa e poi parliamone!




Sfogliando i loro blog  e i loro profili  non posso fare a meno di sbottare in un catartico: " ma come fanno a essere sempre tutti così dannatamente belli?", saranno le aringhe a colazione? E noi che pensavamo di essere cool con cappuccino e briosche! Da domani mi butto sul pesce azzurro, giuro! Eccole le blogger del Nord:  slanciate e bionde come gazzelle, non hanno meno di tre figli a testa, eppure una loro gamba misura appena come il mio avambraccio. Dopo la seduta al computer sferruzzano maglioni per i mariti, con la mano destra cucinano una torta da fotografare tra ciuffi di lavanda e biancospino e con l'altra creano collage fotografici con i bambini da appendere come ghirlande nelle loro camere, che se ci provi tu come minimo tuo marito ti dice che Natale è passato da un pezzo. La torta non la cito neanche perchè il mio forno non ne vede una dal lontano 2001, credo. Sembra che tutto quello che fanno sia semplice e incantevole come una magia, come tante piccole fatine operose e creative.
Provate a farvi un giro su Lovelylife: un network di blog che sono la quintessenza del lifestyle scandinavo: food, travel, fashion, interior... un concentrato di stile, che se ti prende non ti lascia più, e diverse amiche blogger sanno cosa intendo.


Lo stile scandinavo ha grazia e forza innata, contagiosa: prendiamo il meglio da quello che sa insegnarci, e mettiamoci del nostro. Ecco che troviamo il nostro stile unico.
Scherzi a parte, impariamo da loro ad amare ogni cosa che si fa, a prescindere dal risultato: credo che questo sia il segreto ad ogni latitudine.
Perchè anche dietro alle foto più meravigliose e perfette ci può essere una storia intensa e difficile, come quella della fotografa Krista: io sono innamorata delle sue foto, e della sua forza interiore.



29 commenti

  1. Hai perfettamente espresso il mio pensiero :D E comunque...tu non sei da meno, credimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seeeeeee..............magari! Ma grazie per l'incoraggiamento! ;)

      Elimina
  2. Mi ha fatto davvero sorridere questo tuo post, bello! Hai ragione, la luce è sicuramente di un altro mondo ed è tutto sempre meraviglioso ma a volte sempre tutto un po' simile a se stesso, blog dopo blog.
    Giusto un pizzico di acida invidia la mia ;) abbiamo davvero tanto da imparare! Io sicuramente si!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si smette mai di imparare... ma meno male! :-)))

      Elimina
  3. Che parlavi di me?! :D.... capisco, condivido e appoggio pienamente, prendiamo iò che più ci appartiene e modelliamolo sulle nostre culture! Brava Sere! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mescolare penso sia sempre una buona soluzione ;)

      Elimina
  4. Meravigliosa Bombetta, hai dato voce a tutti i nostri pensieri!!
    Quindi se decido di dipingere il pavimento di bianco devo insegnare a Enea a non sbriciolare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che lui essendo nato in Olanda non sbriciola di default ;)

      Elimina
  5. bellissime atmosfere e fantastico il sogno messicano in salsa scandi, qui su!!!
    ti confesso, però, che mi farei adottare da una blogger francese. hanno case più vissute, meno immacolate e, perciò, più abitabili per una terrona come me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz..... mi hai anticipato il prossimo post! ;)

      Elimina
  6. Cavoli se hai ragione!!! è il loro lifestyle, il loro paesaggio di oggetti versus la nostra singolarità che ci frega. La penso proprio come te! Hanno capacità di creare atmosfera, più che un unico patinato ammaliante oggetto!

    RispondiElimina
  7. Grande Sere, hai scritto un capolavoro ed espresso concetti che noi tutte amanti dello stile abbiamo nel cuore. Tra l'altro non è vita virtuale... vivono proprio così. Cercano il bello in ogni cosa e hanno una grazia innata nel fare le scelte giuste e originali. La scorsa estate quando camminavo tra loro mi sentivo un marziano...brutto e incapace. E' proprio così. E i figli non sbriciolano per davvero. Sicuro che noi italiani a viver così non ci riusciremo mai. Però portare un po' del loro bello qui sarebbe proprio giusto. E tu nel tuo blog fai proprio questo! Grande Bombetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale, felice di essere riuscita a far sorridere e riflettere insieme ;)

      Elimina
  8. Bellissimo Serena, prima di conoscere Casa Facile e voi oh muse... giravo sui siti e basta, ricordo che il colpo del primo appartamento stile Scandinavo mi ha folgorato, irraggiungibile, per spazi, della luce penso sia anche un problema dei riflessi dei palazzi fuori (giallini and co), ma ho trovato che in quei spazi cosi bianchi e perfetti il mio kitsch messicano, e la mia mancata voglia di compromettermi a lungo con un colore e un stile era perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il tuo stile è unico e inconfondibile Mayda!

      Elimina
  9. E' verissimo, quella luce ha qualcosa di divino! Bel post!!!! Laura

    RispondiElimina
  10. Alle volte penso che il troppo sia troppo. Alle volte vedo una sorta di ritorno alla donna mamma anni '50 tutta dedita al marito, alla casa e ai figli...ma poi, ahimè, guardo bene, leggo i loro blog e scopro che: OMIODDIO, LAFIGAGGINE è nei loro geni! E sono invidiosa, siiiiiii! Alla fine non posso che rassegnarmi,prendere il meglio da loro e mescolarlo al mio mondo. Giusto per sentirmi figa anche io! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. invidiosa del fatto che oltre ad essere brave mogli + mamme + padrone di casa + blogger, quelle scandinave là hanno anche un lavoro! Oh, nun ce la posso fà a non invidiarle!

      Elimina
  11. Fantastica! Hai riassunto perfettamente un pensiero di molte! Vado a preparare cappuccio e aringhe per colazione... ;)

    RispondiElimina
  12. E' vero Serena, impossibile resistere al lifestyle scandinavo, che un po' ci affascina ed un po' aumenta il senso di colpa latino e l'inadeguatezza verso quel mondo "perfetto" ;)
    Ancora mi chiedo dove trovino tutta quella luce, che esaltano ambienti ed oggetti nelle foto, "loro" che sono la zona più priva di luce naturale d'Europa :D
    E' inutile, io getto la spugna, non posso competere: sono perfette in tutto, a fare torte, a mescolare il vintage con il minimal, a crochettare... e anche a fotografare.
    Però un occhio verso quel mondo può sempre regalarci molte ispirazioni

    RispondiElimina
  13. Serena hai colto nel segno, esprimendo magnificamente tutto ciò che molte di noi amanti dello stile scandinavo pensiamo. E' vero che le loro case e il loro stile di vita può apparire perfetto ed armonioso, e sicuramente lo è...ma forse alle blogger e designer scandinave manca la scintilla creativa che noi italiani abbiamo nel DNA. Un po' di sana invidia ci vuole ogni tanto...

    RispondiElimina
  14. Ciao, il mio amore per lo stile scandinavo si è consolidato dopo un viaggio a Copenhagen e Stoccolma due anni fa. Prima mi piaceva ma non lo capivo. Rispecchia molto bene il loro modo di essere, amanti della loro casa, perchè di tempo da dedicargli non ne hanno molto (le donne in genere lavorano), hanno tanti figli perchè il governo gli passa dei soldi per ogni figlio che fanno.
    Il bianco è necessario perchè gli inverni al nord sono lunghi e le ore di luce sono poche. Certo, il loro minimal è a volte un pò troppo freddo, ecco perchè ci vuole un minimo di spirito del sud per dare un pò di vita ad una casa di stile scandinavo ed è quello che sto cercando di fare io... Però, ammetto che anche io li invidio un pò :)

    RispondiElimina
  15. Ciao, sono Giulia e ho vissuto quasi un anno vicino Stoccolma e devo dire che le case scandinave sono quasi tutte uguali. Non hanno magazzini con mobili scadenti e brutti ma negozi con mobili chiaramente in stile scandinavo: non sbagli arredamento nemmeno se lo scegli bendato!!!
    Per quanto rigurda i pavimenti puliti e bianchi....il trucco c'è!!!
    Gli svedesi tolgono le scarpe appena entrati in casa, all'ingresso!! E poi girano in calzini o in ciabatte: per forza il pavimento è bianco e pulito :)

    RispondiElimina
  16. Serena questo e' fantastico! La polvere dorata poi!!!!! Noi ogni tanto appendiamo un capicollo alla finestra accidenti! Comunque ne faro' tesoro perche' ho un ultima carta da giocare,la mansarda da ristrutturare e devo essere meno terrona e piu' nordyca....con la y perche' nordica vera non lo saro' mai! Grazie!!!!

    RispondiElimina