Tomons diffusore: colore, profumo & design

/ 2 comments

Diciamolo francamente: se fai la blogger e ti regalano cose alle maggior parte della gente stai cordialmente sulle palle. Succede di continuo. Te le regalano, tu le pubblicizzi sul blog. Fin quì sembra tutto molto squallido.
Ma diciamo anche qual'è la vera differenza tra chi fa marchette e chi sponsorizza in modo serio e coerente. Primo gli oggetti che sponsorizza li comprerebbe lei per prima, blogger o non blogger.
Secondo, rientrano negli argomenti del blog e interessano ai suoi followers.
Insomma, quando inizierò a sponsorizzare formaggi potrete mandarmi a quel paese.
Cosa sto quì a fare in fondo se non per proporvi non solo le mie idee ma anche i prodotti che mi piacciono? E sotto Natale dove posso darvi qualche idea? E  posso pure regalarvi degli sconti?
Insomma, tutto questo preambolo per parlarvi del Diffusore di aromi ad ultrasuoni Tomons che, come tutti i prodotti Inateck, è un oggetto fatto con cura fino ad ogni più piccolo dettaglio, con un design accattivante e moderno, lontanissimo dai diffusori vecchio stile, che sembrano usciti direttamente dal carrello del supermercato o dalle bancarelle finto etnico della Fiera Dell'Artigianato.
Un piccolo uovo fatto solo di vetro e legno: niente accessori superflui, persino i tasti di accensione e regolazione sono touch, inseriti nel legno.
Il vetro satinato si alza e si inserisce l'acqua e le gocce della fragranza preferita: ora accendiamo e tramite i due tasti regoliamo l'intensità del profumo e il colore che vogliamo la lampada assuma ( sono tanti e tutti bellissimi!)
Perfetta anche spenta, meravigliosa accesa.
Mia mamma, notoriamente un osso duro quando si tratta di farle dei regali, se ne è innamorata subito, quindi la Tomons mi ha salvato decisamente la vita questo Natale!
Se volete ordinarla la trovate su Amazon con una consegna rapidissima... e faccio il piccolo aiutante di Babbo Natale regalandovi questo codice ZUZQJ2T8 per acquistarla scontata  fino al 31 Dicembre 2016.









E non dimenticate anche l'altro prodotto Tomons; la lampada da scrivania! La trovate quì.






Continue reading

Tomons: cosa chiedi a una lampada?

/ Leave a Comment









Ma non finisce quì, domani vi presento un altro bellissimo articolo perfetto per i vostri regali di Natale, stay tuned ;)
Continue reading

Mondo Creativo #1

/ Leave a Comment
Come spiegare l'energia travolgente di questi due giorni al Mondo Creativo di Bologna? Ridere e scherzare fino a tarda notte con le amiche del cuore, filmare balletti assurdi, girovagare tra le bellissime cose esposte che la carta di credito ti trema nel portafoglio perchè vorresti comprare tutto?
Di sicuro mi sono portata a casa un bel sacco di cose, come una piccola aiutante di Babbo Natale, e i miei regali saranno di sicuro i più originali.
Ecco una carrellata di visi ed emozioni che mi sono portata a casa, infilandoli in una Twingo così carica che la Clara si merita una laurea ad honorem al MIT... di certo ho potuto tastare con mano la vita della crafter da mercatino, fatta di tanta fatica ma anche di grandi soddisfazioni...e di domande bizzarre da parte dei clienti per le quali si farà un post a parte ;)
Mi sono divertita a sostituire le crafter ai banchetti, diventando il jolly della fiera, mettendo alla prova le mie capacità di calcolo (sempre più scarse), di impacchettamento ( posso migliorare) e di cucito al volo ( lì me la sono cavata!) ma sopratutto generando nei clienti che mi vedevano apparire quà e là spassosissime espressioni ;)
Il coloratissimo stand di Clara Petit Pois Rose: mentre intrattiene una cliente davvero speciale: Alice di Eilish Creations e l'altra mia compagna di viaggio, la mitica Mariella Sticazzi: una vera bomba di ragazza, fosse per me me ne farei un clone piccino da poter infilare nel portafoglio e tenere sempre con me ;)

Le mie compagne Bloggers di Casafacile erano quì con le loro creazioni: Bluebells Design, Il Pampano, Isabo, Giochi di Carta.
E' sempre fantastico ritrovare le mie compagne di avventura: ogni occasione è buona per ritrovarci... e non è mai abbastanza!

La nostra fata dai mille nastri colorati: Anabella di My Washi Tape con le ragazze del suo workshop. Bellezza e dolcezza unite a tanta meravigliosa energia: secondo me con Anabella si potrebbero accendere tutte le luci degli alberi di Natale...
Antonella di Blog A Cavolo e la sua carica di simpatia travolgente;  eccola circondata dalle ragazze del suo workshop, fiere delle loro ghirlande!

La Sarta Anarchica ovvero Valentina di Come Le Ciliegie: la mia spacciatrice preferita di abiti handmade dalla personalità unica

Sorrisi e tante chiacchiere davanti alle meravigliose casette allestite da Casafacile e dalle sue super bloggers...
Sara di Nuvolosità Variabile e Eleonora: le menti diaboliche dietro A Little Market, la piattaforma tutta dedicata all'handmade, con loro Sara di I Love Mint
Simpatia e tanto colore da Valentina e Federica: ovvero Le Idee della Vale e Fiidesign... ci sono ancora sei giorni per partecipare al crowfunding di Valentina, se volete partecipare ( dovete!) cliccate qui

L'angolo da sogno di Marthy's Vintage Garden: come non innamorarsi dei suoi mappamondi dipinti?

Mumi Design e La Gallina Rosita: ceramiche poetiche e timbri fatti a mano con cuore e fantasia, anche personalizzabili.

L'angolo romantico e retrò di Rita: Myselfie Cottage
Design, allegria e bellezza da Laura di Vivere a Piedi Nudi, Angela di Party At Home e Giulia di Insunsit

Un grazie formato gigante va a Monica di Dove Cadono Le Stelle per la l'organizzazione impeccabile e la gentilezza.
Nella seconda parte vi mostrerò la bellissima casa in cui sono stata ospite: è talmente piena di dettagli e cose carine che si meritava un post tutto suo. Non ve lo perdete mi raccomando!
Continue reading

Nordic Love: la wish list di Natale Pink&Green Edition

/ Leave a Comment
Seguo da sempre l'account instagram di Broste Copenaghen e quando ho visto il suo table setting natalizio così' poetico e originale ho capito immediatamente che era l'idea perfetta da cui partire per una wish list natalizia rigorosamente in stile Nordic Love (quindi pescando dai nostri brand più amati) ma che avesse un guizzo in più: una palette insolita e decisa ma allo stesso tempo delicata e romantica, perfetta per le feste. Io poi sono una nordic lover un po' atipica, perchè non amo il minimale e adoro il colore, anche intenso come in questo caso, e in questa foto mi ci ritrovo alla perfezione.
E voi, cosa ne pensate?



Fine Little Day
Muuto
Design House Stockholm
Hay
Polka Jamm

Ittala per Issey Miyake
Cane
Normann Copenaghen





Continue reading

40 anni... e allora?

/ 9 comments
Attenzione: post ad alto contenuto biografico, decisamente prolisso. Io vi ho avvisati.

Alcuni recenti post di amiche blogger come Camilla di Zelda Was A Writer o Lucrezia di Cera Una Vodka, mi hanno fatto riflettere sul tempo che passa, su quello che sognavamo quando eravamo ragazze e quanto siamo cambiate nel corso del tempo.
Oggi compio quantant'anni. Really?
La mia espressione da un paio di settimane è questa.



Non sono una di quelle sagge creature convinte che invecchiare sia una benedizione; che si guadagni in maturità o serenità. Io non voglio ne l'una, ne l'altra. Anche perchè detta così sembra l'inizio di della fantomatica "pace dei sensi" o giù di lì. Beh io non ci credo: chi dice così sta mentendo, perchè non ci penserebbe un attimo a scambiare la maturità con il batticuore dei vent'anni.
Io non voglio la pace. Io voglio avventura, emozioni, arrabbiarmi, ridere fino a perdere la voce. 
Voglio ballare e andare in pattini a rotelle; voglio cantare con la musica a palla nelle cuffie.
Voglio continuare a indossare cappelli strani. 
Non sarà politically correct ma io non voglio arrendermi. Non voglio invecchiare. Non ci sto.


Riguardo vecchie foto, quelle che si portavano a stampare al negozio, quelle tirate giù da una macchinetta usa e getta di cartone ( ve le ricordate?) e non mi vedo così diversa ( chili in più a parte... ma non tocchiamo l'argomento). 
Ma sono cambiata? Sono ancora quella il cui sport preferito è sognare ad occhi aperti, con la testa eternamente fra le nuvole anzi, tra le stelle! Lo sapete che sono un'astronauta mancata? Di certo mi manca la competenza in matematica, purtroppo. Ma diciamolo, non so se avrei mai superato i testi fisici... sono una mozzarella che cammina, bianca, molliccia e senza fiato.
Ma sul sognare sono cintura nera. Record del mondo.


E fare mille cose insieme, grande cruccio di mia mamma che ha sempre accusato la mia mancanza di focus... ma come si dice adesso ho sempre fatto della buona strategia, diversifico.
E non mi annoio mai.
Sono appassionata e curiosa, lo sono sempre stata. Curiosa in modo assurdo, direbbe qualcuno ;)
Sono quella che al primo appuntamento non si è vestita da figa, ma si è infilata un cappello da aviatore grigio argento, perchè si mi vuoi amare mi devi prendere "just the way I am".
Non sono diplomatica e non amo i compromessi, ma se ti voglio bene per te farei qualunque cosa, non mi fermerei davanti a niente.




Quando ero ragazzina riempivo taccuini di poesie sgangherate e melodrammatiche: le rileggo e mi ci ritrovo, sono ancora là: romantica e cinica allo stesso tempo. Pragmatica, ma capace sempre di volare con la fantasia. Lo spazio luminescente tra gli opposti è il mio regno.
Non ho paura. Quasi di nulla.


Sono quella che ha adora Alien, Dune e Star Wars; quella che piange alla fine dei film, non importa se siano finiti male o bene, e si commuove con i delfini.Che conosce a memoria i libri di Jane Austen, e quando sogna lo fa in cuffiette e crinoline. Però su un'astronave. Inseguendo mostri come Ripley.
Amo la Luna. Stare da sola a pensare.
Ho un cerchio magico di persone che amo che mi fa sentire invicibile.



Vedi, in fondo non è cambiato nulla.
Volevo fare il medico, ma poi ho studiato filosofia, e lavoro nella musica. Ma ho anche un blog di decorazione e di interni. Ricamo verdure e astronavi. In cameretta avevo un poster di Darwin. Ne ho uno anche in ufficio. Continuo a recuperare cose in giro, perchè credo nelle seconde opportunità.
Non credo in Dio, credo nell'Umanità.
No, non sono cambiata per niente e, purtroppo, ancora non so gestire i soldi ;)






Continue reading

Natale Viridea Style

/ Leave a Comment
Sono pigra...che novità direte voi. In questo periodo però sto raggiungendo traguardi di lazyness notevoli.



Sto dicendo no a tutti non perchè ho iniziato a tirarlmela come tutte le "Blogger Influenzer" che si rispettino ( come dicono scherzosamente le mie amiche), semplicemente ora girà così. Starò invecchiando? Chissà.
Ecco spiegata anche la recente lentezza dei miei aggiornamenti sul blog... Eppure c'è un appuntamento a cui non riesco a resistere: il Blogger Day Viridea.
Ti coccolano, passi una giornata in una serra bellissima, circondata da piante e fiori, e da amiche creative, vecchie e nuove... insomma, ditemi voi se uno può resistere. Non può.
Ormai sono di casa quì, e amo tornarci, ogni volta di più. Quest'anno poi, in occasione del Natale, Viridea ha creato un padiglione apposito: un vero paradiso per gli amanti di questa festività, nel quale è possibile trovare ogni tipo di addobbo o decorazione, per ogni gusto e stile.
C'è da perdersi... piacevolmente, da perdersi.



Per il Blogger Day Viridea organizza sempre un piccolo workshop nel quale lasciar correre la nostra fantasia e creatività: grazie alle ispirazioni della nostra stylist del cuore, Elisabetta Viganò, abbiamo creato delle decorazioni natalizie dal gusto contemporaneo e ironico utilizzando tazze, piccole succulente, animali e una pioggia di glitter. Ci siamo divertite a inventare ciascuna il proprio piccolo mondo, e davvero ogni creazione era speciale, una più bella dell'altra!














Come sempre Viridea ci lancia una sfida: creare un calendario dell'avvento originale e divertente; quindi che dovete fare? Semplice, seguire noi e i social Viridea!  Ne vedrete delle belle! Parola di Bombetta ;)

Un abbraccio a tutte le amiche vecchie e nuove con cui ho passato una splendida giornata:




Alessandra aka Gucki
Simona aka Il Pampano
Valentina aka A Day With V
Valentina aka Mami, Chips & Craft
Ilenia aka Penso Invento Creo

dimentico di sicuro qualcuno.... perdono! Ho una certa età ;)
Continue reading

Grey Tag: il grigio in cucina nello stile nordico

/ 3 comments
Se pensiamo allo stile nordico subito ci vengono in mente stanze inondate di luce; quella elegante semplicità fatta di colori delicati e una selezione di accessori accurata e priva di fronzoli. Un minimalismo poetico che nel nostro immaginario italiano poco si addice alla stanza in assoluto più vissuta, più confusionaria, più ricca di storie e di cose: la cucina.
Eppure la magia scandinava riesce a rendere anche questa stanza un luogo speciale, raffinato e contemporaneo, pieno di suggestioni.
Come ottenere questo effetto? Per prima cosa scegliamo il colore delle ante tra le infinite sfumature di grigio, dalle più intense a quelle che sfiorano gli azzurri e i verdi; aggiungiamo materiali preziosi come top in marmo di Carrara e un tocco originale con pomelli in ottone o in cuoio... ecco che la magia è completa.
Un' unica avvertenza per non rovinare l'insieme: scegliere con cura ( quasi maniacale, aggiungerei) gli oggetti da mostrare e mai lasciare troppe cose in giro, a meno che non sia tutto perfettamente abbinato.
Potrà sembrare una follia, ma il risultato di certo vale lo sforzo ;)













Credits Photos 1 - 2 - 3 - 4 - 5 -6- - 8

If we think about nordic style we imagine rooms full of light: that semplicity made of delicate colors; the ability to pick always the right options, without any frills. This poetic minimalism is an usual choice for the room which is the most used and lived, above all for italians.
Nordic style makes this room polish, contemporary and full of suggestions.
To achieve this result first chose kitchen's doors between infinite shades of grey, from intense to the more delicate, near blue or green; then add precious material like top in Carrara's marble, and an particolar one, with brass or leather knobs and the magic is done.
But careful: to maintein this atmosphere is necessary order ( almost maniacal).
It will seems a madness, but it worth the effort :)



Continue reading

Refashion tag: colletto scientifico mixed media/ scientific collar mixed media

/ 1 comment
Cosa fai quando di domenica sei bloccata a letto da un raffreddore micidiale? Semplice, ricami un vecchio colletto di una camicia che non metti più. Nulla di più facile, basta tagliare il colletto appena sopra la cucitura e il gioco è fatto. Ma cosa ricamare? Era da tanto che mi frullava in testa questo progetto... Un omaggio alla mia grande passione per la scienza, strada che avrei seguito se solo non fossi stata una capra in matematica -sic!-
Ai ricami ho aggiunto delle scritte realizzate con dei semplici timbri: per fissare il colore basta una passata di ferro caldo senza vapore.

What do you do when you're sick, confined to bed? An embroidery collar, from an old shirt. It's really simple, just cut the collar above the seam. I've chose an unusual subject, in tribute to my passion for science. In addition to embroidery simple writing made with stamps. To fix them it' s enough a hot iron without steam.






Continue reading

Catalogo Ikea 2017: le liste semiserie

/ Leave a Comment

L'ATTESA
Quest'anno il catalogo Ikea si è fatto aspettare: belli i tempi in cui si tornava dal mare e si trovava il catalogo già infilato nella casella della Posta!
Conosco gente che ha cataloghi in macchina ( per le code) e al lavoro. Non si sa mai venga un'idea da verificare tra un preventivo e una email.
E si organizzano raid notturni se nella tua via non sono ancora arrivati, ma in quella vicino si.
E si porta via alla Nonna, che tanto lei non ci va.
E si vede gente in giro con tre o quattro cataloghi, per gli amici.
Il Catalogo Ikea, si sa, fa fare brutte cose.
Ti fa venire voglia di cambiare praticamente tutto, di riarredare casa daccapo.





UOMO VS. CATALOGO
Ogni uomo sa che non appena comincerà a veder apparire il catalogo nelle caselle di posta dovrà correre più veloce della donna che lo sta sfogliando, già munita di carta, matita e metro ... e con la brugola d'ordinanza in tasca.



ASPETTATIVE VS. REALTA'
Rimane per me una delle letture più piacevoli in assoluto e infatti una copia non manca mai in bagno ( non me ne vogliano quelli di Ikea).
Nel catalogo Ikea tutto è così rilassato, cool, pulito e ordinato: anche le case di 50mq che nella vita reale assomigliano a Sepolti In Casa.



CAMBIAMENTI
Il catalogo è nuovo sotto alcuni aspetti: una grande parte è stata riservata a redazionali, articoli e interviste: quindi più che un catalogo tout-court è un ibrido tra il magazine ( in Italia purtroppo non lo fanno più) e il catalogo a cui eravamo abituati. E perchè no, mi chiedo? In fondo il catalogo resta nelle nostre case un anno e anche di più  - io per esempio li colleziono dal 1990- quindi perchè non superare la staticità di un modello e proporre qualcosa di nuovo? Il catalogo si fa sfogliare sempre piacevolmente e l'aggiunta di testi da leggere poco per volta sono un bonus interessante, un modo di andare oltre la semplice "vetrina". Lo stile Ikea - e nel motto di quest'anno è ribadito - è qualcosa di personale, unico, quindi decisamente qualcosa che va al di là della semplice esposizione di mobili e accessori: quella la sanno fare tutti.

Le avevo prese le Sinnlig, sono sicura!!!

LA SVEDESITA'
Questo concetto meraviglioso che tutte le Nordic Addicted conoscono. E non esiste parola migliore per descrivere l'essenza di uno stile di vita prima di tutto, prima del design e della pulizia formale, prima della ricerca dell'armonia, prima del bianco  del legno. Lontano dal minimalismo freddo e senz'anima, un po' superbo, nel quale purtroppo si è arenato il design italiano da troppo tempo.  E' incredibile pensare che nonostante siamo la patria del Design la maggior parte delle case italiane è arredata con superficialità e senza alcuna passione, facendo il più in fretta possibile, come se fosse un dente che duole da estrarre a tempo record. Il design che ci ha resi grandi nel mondo non è entrato nelle case di tutti i giorni, non solo fisicamente come oggetto, ma soprattutto come amore per il bello, per qualcosa di unico e innovativo.
Ecco, l'Ikea ha portato un pizzico di design nelle nostre case e voi manco ve ne siete accorti ;)

Quando non trovi più la tua fodera del divano....

CUCINA MON AMOUR
Mai come in questo catalogo il cuore della casa, ovvero la cucina, fa la parte del leone: non solo per le bellissime proposte di arredo - mi spiace per i detrattori, ma le cucine Ikea  non hanno da invidiare più niente a quelle di altre marche- ma per il grande spazio concesso a "come" si vive la cucina, all'amore per i cibi e alla ricerca di una cucina condivisa e amata da grandi e piccini, dai masterchef ai più imbranati (  io sono a livello Paperino).


PIU DESIGN
Decisamente il catalogo più design oriented degli ultimi anni: è chiara l'influenza dei marchi nordici come Hay, Normann Copenaghen, ecc. soprattutto nelle linee essenziali, nei colori neutri e nel ritorno dei colori base, come il nero. Detto questo capisco la diffidenza di molti utenti non abituati a queste scelte stilistiche nello sfogliare il catalogo di quest'anno. L'italiano non è abituato a confrontarsi con uno stile così particolare come quello nordico, e forse questa decisione di Ikea di accantonare per un attimo i più tradizionali colori caldi e un po' country del mercato italiano, si rivelerà un azzardo; molti già lo criticano proprio per questo, lo sentono lontano. In realtà Ikea sta tornando alle sue origini, non inseguendo più l'obbiettivo di accontentare tutti, ma tornando agli stilemi che lo hanno fatto nascere e che contribuiscono a rendere il design nordico prestigioso e di successo in tutto il mondo. Forse il pubblico italiano deve solo scrollarsi di dosso un po' di abitudine, un po' di polvere accumulata, e cercare di guardare oltre, di rischiare. Se il design nordico è così famoso e richiesto in tutto il mondo un motivo ci sarà, no?




NOVITA'
Tante e tutte interessanti: mini cucine dotate di tutto, sedie a dondolo in rattan che fanno sognare, mobili porta computer dalla linea elegante che riescono a sfruttare angoli piccolissimi; colori nuovi e più intensi, ricami di sapore antico, divani modulabili che nascondono letti e contenitori. Insomma, se qualcuno si è lamentato delle poche novità o non era attento oppure non ha ancora sfogliato bene il catalogo.
Io sono di parte, è chiaro, ma a me questo nuovo catalogo piace, e anche parecchio.
Aspetta che me ne prendo un altro...tanto a quella signora lì non interessa ;)


video

Continue reading