Riflessioni di Stile #1 La Rivincita Del Nordico

/ 4 comments
Riviste, blogs, semplici appassionati, rivenditori insomma, sembra che proprio tutti in Italia abbiano scoperto lo stile nordico. Normale evoluzione di stile, o c'è qualcosa di più?
Basta sfogliare i cataloghi dei negozi di arredamento e decorazione di interni più famosi: Maisons Du Monde, Coin, Zara e H&M per rendersene conto. E ovviamente Ikea che da sempre è la testa di ponte in Italia dei trend scandinavi. La stessa Ikea, probabilmente consapevole che qualcosa stava cambiando, e desiderosa di spingere in quella direzione, ha premuto l'acceleratore su disegni, colori e stilemi del nord - dalla collezione PS 2014 in particolare - che prima di allora non avevano avuto lo stesso appeal e successo in Italia.

Ikea PS 2014
Inutile negare l'evidenza: ci sarà sempre troppa gente che si rivolgerà a grosse catene che propongono a prezzi accessibili arredamenti completi, suggerendo grandi risparmi in cambio di una scialba omogeneità e materiali di basso valore. Lo vediamo quando andiamo a casa di qualche amico, o quando ci capita di sbirciare nei siti di vendita immobiliare. Io lo definisco "moderno senz'anima" e ne parlerò più compiutamente nel prossimo post.
Tornando a bomba sull'argomento del titolo, cosa è cambiato? Qualcosa nel nostro approccio o ci lasciamo semplicemente guidare e influenzare? Forse poco a poco, attraverso siti e riviste si è sviluppata la consapevolezza che gli ambienti in stile nordico sono alla portata di tutti: non è indispensabile avere pezzi di costoso design, appannaggio di pochi,  ma una prospettiva diversa: prima di tutto costruire la propria casa con pazienza, senza fretta di trovare tutto e subito. Senza riempirsi eccessivamente ma lasciando che la casa cresca con noi.
Per quanto belli e stilosi possano essere gli oggetti e i mobili che vengono presentati nei negozi (vedi foto sotto), compriamo con criterio e non tutto nello stesso posto: per evitare l'effetto finto e impersonale, che è destinato a stancare, la parola magica è mescolare!

Maisons Du Monde

E forse qualcosa di più profondo, un desiderio di luce? Le case moderne fatte spesso di spazi ristretti, e materiali di poco pregio: perchè renderle ancora più anonime e sovraccariche? Spazio al bianco e ai colori chiari che danno luminosità e allargano la visuale, e permettono di potersi sbizzarrire con i colori di cuscini e stampe, e poterli poi cambiare senza dover traslocare! Poter dare risalto a un bel mobile ereditato, di quel bel legno come si usava una volta, magari abbandonato in cantina o recuperato in qualche mercatino.

The Style-Files

Dedicare un angolo di casa al verde, riprendere quel centrino creato con amore dalla nonna e dargli risalto con un bel vaso di fiori sul tavolo.
Dobbiamo rieducarci al bello, all'essenziale che non è minimalismo: è cogliere il senso delle cose, da dove vengono, come sono fatte, che storia hanno, se davvero ci sono necessarie. E' scrutare le cose con un occhio nuovo. E' lasciarsi incantare dal disegno intricato di un ricamo su un cuscino, della forma elegante di un vaso, lasciarci stupire da un vecchio ritratto...

Gravity

Quello che per molti milioni di persone lassù è da sempre uno stile di vita per noi può diventare una sfida: togliere il superfluo, il ridondante, il banale; scegliere con cura cosa si compra, dare una nuova vita a qualcosa che si credeva perduto, o scegliere un oggetto di artigianato, unico e creato con passione piuttosto di un qualcosa uguale a mille altri, che non ci da nessun valore aggiunto. Una rivoluzione pacifica e lenta: perchè noi italiani sappiamo riconoscere il bello, è nella nostra natura... non è male che qualcuno ce lo ricordi ;)
E voi, cosa amate dello stile nordico?

Inside Closet



4 commenti:

  1. Io invidio quella luce meravigliosa che hanno e quel senso di pace che le certe atmosfere casalinghe sanno trasmettere. Inutile dire che concordo sul fatto che c'è necessità di un po' di personalizzazione, altrimenti ci stuferemo presto di tutto.
    Attendo la seconda parte del post ;).

    RispondiElimina
  2. Bellissimo questo articolo! E lo stile nordico anche, ovviamente! Ultimamente sto pensando di fare un restyling a casa... Questo bianco mi sta plagiando sempre di più :-)

    RispondiElimina
  3. D'accordo su tutto! Rieducarsi al bello... Quanto mi piace questa frase :) brava Sere ottimo articolo!

    RispondiElimina
  4. Lo Stile Nordico è entrato anche nel film del mediterraneo Checco Zalone, ambientato in parte in Norvegia, nella raffinata cornice di una casa unifamiliare. Non ho potuto fare a meno di notarne i dettagli mentre seguivo il film. Concordo con Valentina, però, sul fatto che è necessario personalizzare e non copiare. Rieduchiamoci al bello, impariamo i concetti base che contribuiscono a creare questo stile così confortevole ma mettiamoci del nostro. Siamo in Italia...

    RispondiElimina