Di Blogging, invidie e scopiazzature

/ 4 comments
Il post di settimana scorsa di Momoko mi ha fatto riflettere su come noi blogger ci poniamo l'una nei confronti delle altre. Ehi, siamo umane quindi è normale provare a volte un po' di sana invidia per tutte quelle che navigano nei followers, che sembrano azzeccare ogni mossa, ogni collaborazione: quelle che "spaccano" insomma. Che fanno foto fighissime, creano cose bellissime e lavorano con grandi marchi e sponsor.
Il limite però dove sta? Dove si supera? Nel momento in cui questa sana invidia non viene canalizzata nel modo giusto, propositivo, che ci spinge a fare meglio, a trarre ispirazione per poi scavare dentro di noi e cercare la nostra "vera" voce che, alla fine, è l'unica cosa che ci distingue nel Mare Magnum della Rete ed è il vero segreto di queste bloggers bravissime.

Tutte noi abbiamo dei modelli, delle muse ispiratrici, ed è proprio quel "quid" unico a renderle tanto carismatiche da calamitare la nostra attenzione e quella del web.
Quello che dobbiamo fare è usarle come stimolo per imparare e fare del nostro meglio: limitarsi a criticare e spettegolare, basandoci spesso su non ben indentificate raccomandazioni o trucchi, o complotti alieni, può solo farci restare allo stesso punto di partenza, ci rende sterili. E stronze, diciamolo.



Io non avrò mai il fisico di Gisele Bundchen, ma mica mi incazzo per questo; però posso imparare da lei la maestria nel mettersi in posa, e la sua capacità professionale. Facciamocene una ragione: ci sarà sempre qualcuno un passo avanti a noi, che starà già realizzando quell'idea che abbiamo appena pensato. Lo so, a volte ci prende lo sconforto nel vedere tutte quelle foto meravigliose su Pinterest, questi progetti incredibili che ti fanno gridare al miracolo e al "perchè non ci ho pensato io?". Allora facciamo un respiro profondo e cerchiamo dentro di noi la consapevolezza dei nostri limiti ma anche delle nostre potenzialità.



Sicuramente non sarò mai brava a cucinare, o a fare l'uncinetto e scattare fotografie come la mia amica Ilaria di Ida Interior Lifestyle, ma posso imparare da lei, studiare e impegnarmi per avvicinarmi almeno un po' a quell'ideale.  ( Però diciamocelo, se hai una casa olandese tutto è più semplice ...)


E copiare... copiare è una cosa bruttissima, diciamolo ad alta voce. Prendersi il merito per una cosa fatta da altri non ha alcuna giustificazione.  Amiche creative come Anna di Tulimami, Camilla di Zelda Was A Writer e Enrica Trevisan, si sono lasciate andare a sfoghi amari e comprensibili su quelle persone che, senza alcun rispetto per il lavoro e la creatività degli altri, si limitano a copiare e cercano anche di guadagnarci.


Se fossi una di queste persone mi farei qualche domanda: se non ho idee mie da proporre forse è il caso di cercare una strada diversa, che mi dia reali soddisfazioni. Perchè alla fine, che gratificazione ci può mai essere nell'imitare senza aggiungere nulla di personale? Io credo che alla fine sia solo uno spreco di tempo e di risorse. Oltre a essere riprovevole. ( L'ho già detto?)





Continue reading

Nordic Love {Ikea Hacks}

/ Leave a Comment
Il tema del mese dell'appuntamento Nordic Love prevedeva la personalizzazione di un oggetto Ikea: credo che non esista sul globo terracqueo una categoria di oggetti più flessibili e adatti allo scopo di quelli prodotti dal marchio svedese, è da sempre un suo punto di forza. Se digitate Ikea Hacks su Google verrete investiti da una tale quantità di idee geniali e irresistibili che non saprete da dove cominciare.

Sarò onesta con voi, questo post doveva essere diverso: avevo in mente una bella idea da realizzare ma problemi logistici e non solo me lo hanno impedito. A chi di voi non è capitato di avere in mente un fantastico progetto ma di non riuscire poi a concretizzarlo?
In attesa di sviluppi su questo punto vi ripropongo alcuni Ikea Hacks che vi sono piaciuti tanto: la minicassettiera Moppe ricoperta con ritagli di vecchie tappezzerie, che è stata anche pubblicata su il magazine digitale Ikea Family Live...


E il cestino Hojadare con vassoio Brakig, uno dei progetti DIY più cliccati.


Allora incrociamo le dita per il progetto misterioso... E non dimenticate di passare dalle mie compagne di viaggio!


Continue reading

Urban Jungle Bloggers: Jungle Animals

/ Leave a Comment

Una bacheca fai-da-te è la cornice ideale per realizzare una piccola giugla domestica, ricca di piante e animali. Un fenicottero in volo tra l'edera, un tucano che si riposa sotto una folta Kentia e una rana che fa capolino da una succulenta. Una pigra lucertola si arrampica sulla griglia, sta cercando qualcosa? Forse anche lei un angolino di verde dove fare un pisolino...

A DIY display case is perfect to create a little urban jungle, full of plants and animals. A flamingo flies through Ivy, a Tucan rests under a thick Kentia, a frog pops out from a succulent. And do you see? A lazy lizard climbs looking for a green place to take a snap...








Ma fate attenzione, c'è anche un serpente che si arrotola intorno a un fiore colorato, in attesa forse di una preda...

But careful, there is also a snake who wraps itself up in a colored flowers, maybe waiting to grab a quarry...



Continue reading

Nordic Love: Normann Copenaghen ShoreBird

/ Leave a Comment
Alla zampa di ogni uccello che vola c'è legato l'infinito.

(Victor Hugo)


Dalla Xmas Box di Nordic Love ecco uno degli oggetti più amati dalle design addicted: ShoreBird by Normann Copenaghen, una piccola meraviglia di legno di quercia, disegnato dall'islandese Sigurjon Pàlsson. Il designer ha voluto riprodurre la silhouette stilizzata del Chionide, uccello che amava osservare sin da quando era bambino. Si dice che questi uccelli siano socievoli e curiosi e che si lascino guardare da vicino. Come non innamorarsene?

Un piccolo, delicato capolavoro che aggiunge poesia in ogni angolo di casa.
Grazie Normann Copenaghen per questo bellissimo regalo.

Non dimenticate di passare dalle mie compagne di viaggio!



Continue reading

L'anno della Scimmia

/ Leave a Comment
Sapete cosa dicono dei nati sotto il segno della Scimmia? Che hanno talmente tanta energia che fanno fatica a stare fermi, hanno sempre bisogno di tenersi occupati, in movimento sia fisicamente che mentalmente. Per questo sono attivi, curiosi e creativi... ed anche molto seduttivi.
Volete sapere se siete nati nell'anno della Scimmia? Allora controllate la vostra data di nascita quì.



Ci avete mai pensato? Siamo così simili e allo stesso tempo così diversi! Ci separa solo il 2% del corredo genetico, quindi, vedendola da un'altra prospettiva siamo scimpanzè al 98%. Questo a pensarci bene spiega davvero tante cose ;) Pure la mia passione per le banane. Come potevano dunque non fare parte del nostro immaginario?


Un famoso liquore americano - dicono tanto forte da riuscire a farti appendere ai lampadari proprio come le scimmie- un gruppo indie inglese, dalle sonorità molto particolari e ruvide e persino una ricetta, il "Monkey Bread": un dolce famosissimo negli Stati Uniti. Apparso nei primi anni cinquanta è composto da tante palline di impasto per il pane, messe l'una accanto all'altra fino a formare una torta o una ciambella da cui ognuno può prendere la propria porzione. La ricetta che vedete nella foto la trovate quì. Probabilmente questo dolce così particolare è ispirato all'abitudine di mangiare con le mani tipica delle scimmie, e anche alla loro pratica del "grooming"... chissà?




Anche il mondo del design e dell'arte hanno contribuito a rendere iconico questo nostro cugino: le bellissime scimmiette di legno di Kay Bojesen e la stampa di Banksy


Ed ecco qualche spunto per chi volesse far entrare in casa qualche simpatica scimmietta ;)
Io sono innamorata dell'anello!

1 - 2 - 3 - 4

1- 2 - 3 - 4

Ma anche il tatuaggio grafico è stupendo!


Continue reading

Nordic Love: Retro Style

/ 1 comment
Eccoci di nuovo con la Xmas Box Nordic Love e tutte le sue meraviglie, che mi piace mostrarvi a poco a poco... Questa stampa meravigliosa di RetroStyle  rappresenta in maniera grafica e iconica la celebre citazione di uno dei film cult di fantascienza: "Blade Runner" di Ridley Scott, ispirato a "Gli Androidi Sognano Pecore Elettriche" del grande Philip K. Dick. Io me ne sono innamorata a prima vista, con quel grande occhio e le lacrime.
Chi mi conosce sa il quanto io ami la fantascienza e scegliere tra tutte le bellissime proposte di RetroStyle è stata davvero dura!


Ho provato diversi styling per questa stampa, e non sono ancora convinta al cento per cento... ma il bello è proprio questo: poter cambiare posizione di accessori e arredi, in modo da trovare la soluzione che più ci soddisfa.
Finchè non ci viene in mente di cambiare ancora, ovvio no? ;)



Ci vediamo presto con il nuovo topic di Nordic Love!
Continue reading

Le Liste Semiserie: quanto sei "Craft Addicted"?

/ 10 comments
Non puoi definirti orgogliosamente tale se non corrispondi a una o più di queste caratteristiche: fai con la Bombetta il test più divertente e scopri insieme a me quanto sei irrecuperabile ;)




#ACCUMULATRICE SERIALE
Non hai mai abbastanza lana o feltro per i progetti che hai in mente. Non resisti a dei bottoni vintage o a un nuovo rotolino di nastro. Niente ti rende più felice e non importa che la tua craft room sia sul punto di esplodere: tu sai, nel profondo, che per il prossimo progetto quella stoffa è assolutamente indispensabile.
Suggerimento: riordina la craft room e scoprirai quante meraviglie di cui ti eri scordata!


#VADO DA TIGER (O IKEA O FATE VOI) MA PRENDO SOLO DUE COSE
Gia solo a scriverlo questo punto non riesco a trattenere le risate: c'è chi c'è la fa davvero? Se siete tra questi ditemi come si fa, vi prego. La mia banca vi ringrazierà
Suggerimento:  nascondere le carte di credito


#DOVE VAI SE IL MERCATINO NON C'E L'HAI
Invece della mappa dei viaggi che sogni hai segnato con le bandierine le località dei mercatini più trendy e più forniti. E non importa che tu debba andare da sola perchè ormai amici e fidanzati non ne possono più, ti bastano gli sguardi di intesa delle altre come te.
Suggerimento:  buoni benzina come se non ci fosse un domani

#LE RIVISTE NON BASTANO PIU, NOI VOGLIAMO PINTEREST
Hai gli occhi rossi e la sindrome del tunnel carpale perchè una volta entrata in Pinterest non sei più riuscita a venirne fuori. E dire che ti avevano avvisata. Saltando da una pagina all'altra, da una foto a un sito, pinni senza sosta progetti che non potresti fare nemmeno se vivessi mille anni.
Suggerimento: studiare da subito una cura per l'immortalità



#NON UNA MA MILLE
Perchè concentrarsi solo su una tecnica quando c'è ne sono così tante, una più bella dell'altra? Che importa se poi abbiamo nell'ordine: una sciarpa a metà, un centrino appena abbozzato, un telaio con ricamata una lettera sola?
Suggerimento: selezionare... o riunire gli abbozzi tutti insieme per un mixed media davvero sorprendente!



#LA BACHECA SEGRETA
Lo so che  l'avete! Tutti c'è l'hanno ma nessuno lo ammette. Quella bacheca dove pinnate i progetti più belli che vorreste copiare e che non volete condividere...
Suggerimento:  chiamate la vostra bacheca X-Files



#NEVER GIVE UP
Non vi arrendete se il progetto non va proprio come l'avevate immaginato.
Suggerimento: camomilla e cerotti



# NULLA SI DISTRUGGE, TUTTO SI TRASFORMA
Come diceva il saggio Lavoiser ogni cosa merita una seconda opportunità: che sia uno sgabello sgangherato, un maglione infeltrito o una scatola sfondata tutto nelle vostre mani subirà una sorprendente metamorfosi.
E se non riesce? Ritorni al punto precedente.
Suggerimento:  fantasia al potere

#COME HO FATTO A NON PENSARCI
Ecco l'idea semplicissima e geniale che ovviamente è venuta a qualcun'altro! I nervi. Respirate.
Suggerimento: allenarsi a guardare le cose sempre da una diversa prospettiva



#QUESTO E' PERFETTO PER LE FOTO!
Comprare oggetti assolutamente inutili ma perfetti per gli shooting. Spesso si tende a coprire questo vizio con la convinzione, quasi sempre destinata a fallire, che prima o poi torneranno utili per qualcosa.
Suggerimento: fotografarli tutti insieme per un uno shooting liberatorio

#IL SUO PROGETTO E' PIU' BELLO DEL MIO
Ci saranno sempre blogger e creative più brave e talentuose di noi, facciamocene una ragione. Fargli la macumba con una bambola vodoo di pannolenci non funzionerà.
Suggerimento:  invece di pensare alla vendetta, concentratevi su un progetto davvero figo


#CARTOLERIA MON AMOUR
Sappiate che per la vostra sindrome il mondo perde ogni giorno un pezzo di foresta amazzonica. Avete più agende che anni per usarle; block notes e quadernini di ogni stile e colore; moleskine morbide e rigide, manco foste Dostojevski in procinto di prendere appunti per scrivere il seguito di Guerra e Pace. Purtroppo so per esperienza che è difficilissimo guarire.
Suggerimento: trasformate le agende in paper-cut di tendenza



#WASHI TAPE ADDICTED
Questa è un'altra sindrome grave e molto diffusa. Acquistare i diabolici nastrini colorati per poi stiparli in graziose cassettine o cestini, dove resteranno immacolati per timore di sprecarli, o che finiscano. Più preziosi di una collezione di Gronchi Rosa li usiamo solo per scattare qualche foto d'effetto su Instagram. Come sopra di difficile cura.
Suggerimento: non sono monete d'epoca e non acquistano valore con il tempo perciò usateli!

#INSTAGRAM CROCE E DELIZIA
Il progetto procede a rilento perchè avete perso il pomeriggio nel cercare la luce e la giusta inquadratura per scattare la foto che posterete su Instagram. Grazie ai filtri, sempre sia lodato chi li ha inventati, tutti i difetti spariranno come per magia e voi sembrerete davvero delle crafters con le palle... ovviamente all'uncinetto!
Suggerimento:  c'è vita fuori da Instagram!




Fatemi sapere che "craft addicted" siete e quali sono le vostre personali piccole manie... sono curiosa!

Continue reading